• Home

AIAP Sede di Ponte San Pietro

Associazione Italiana Amici del PresepioSede di

Ponte San Pietro

Presepi dal 1969

Nascita dell'Associazione

La Sezione di Ponte San Pietro della Associazione Italiana Amici del Presepio (diventata Sede nel 2016) nasce dalla volontà e dall’impegno di alcuni amici favoriti, in questo loro proposito, da un’innata capacità di trasmettere, a coloro che li avvicinano, prima un profondo amore per il presepio e poi il desiderio di dedicarsi alla sua costruzione. Dal lontano 1969 alcuni componenti dell'Associazione hanno iniziato a costruire nella cripta della locale “Chiesa Vecchia” il presepio. Dalle prime semplici realizzazioni, ricche soprattutto di fantasia e spirito di adattamento, si è registrato nel passare degli anni, un continuo miglioramento sia creativo che qualitativo. Se inizialmente la realizzazione consisteva in un unico grande presepio di circa 50 mq, verso la fine degli anni 70 si è iniziato ad aggiungere al grande presepio i primi diorami.

Diorama della Vita di Cristo

I “diorami” sono scene tridimensionali come il presepio, ma anziché rappresentare la nascita di Gesù rappresentano altri momenti della sua vita. La difficoltà maggiore era la reperibilità delle statue che riproducessero scene come l’annunciazione, la ricerca dell’alloggio, la fuga in Egitto, ecc. In Italia non era possibile reperire tali scene e allora i presepisti di Ponte San Pietro si sono recati a Barcellona in Spagna dove alcuni artigiani si erano specializzati nella realizzazione di statue in terracotta riproducenti molti episodi della vita di Cristo. Da allora i viaggi a Barcellona non si contano più; praticamente ogni anno era un continuo andirivieni per rifornirsi di queste preziose figurine. I viaggi in Spagna hanno dato anche la possibilità di conoscere alcuni tra i migliori presepisti catalani, veri maestri in quest’arte, e di apprendere da loro la tecnica. Per quanto riguarda le ambientazioni bisognava documentarsi ed allora i presepisti di Ponte San Pietro non hanno esitato a recarsi in Palestina per scrutare i luoghi, i colori e le atmosfere dei luoghi che sono stati testimoni della vita terrena di Cristo. Gli anni passano e l’attenzione dei presepisti spazia oltre agli episodi che hanno preceduto ed immediatamente seguito la nascita di Gesù, anche ad episodi della sua vita adulta fino alla sua passione. Le statue, sempre realizzate dagli scultori spagnoli, sono state realizzate su indicazioni e disegno dei presepisti di Ponte ed in alcuni casi sono dei veri capolavori di scultura che nulla hanno da invidiare ad opere di maggiore dimensione. Tra questi scultori ricordiamo Martin Castells di Barcellona e Raffaele De Angelis di Foggia. La realizzazione di queste 32 scene, che diedero il nome alla nostra esposizione di DIORAMA DELLA VITA DI CRISTO, hanno posto la nostra sezione tra le poche in Italia e probabilmente del mondo a possedere una serie così completa di scene che per l’appunto spaziano dall’Annunciazione dell’angelo a Maria fino alla morte e resurrezione di Gesù. Grande fu il successo riportato da queste scene ed i visitatori non si limitavano più al periodo natalizio ma anche nel corso dell’anno numerosi sono stati i gruppi che appositamente venivano anche da molto lontano per ammirare la nostra esposizione. Il diorama della Vita di Cristo è itinerante pertanto può essere ceduto temporaneamente a chi ne fa richiesta.

Ti piace il presepio?

Hai passione per i presepi, vuoi imparare le tecniche di costruzione dei presepi, vuoi condividere con degli amici quest' arte?

Contattaci

Nuova esposizione

Nel 1995, per la voglia di fare e di rinnovarsi, si è deciso di rendere “itineranti” i diorami della vita di Cristo e di trasformare l’esposizione in Chiesa Vecchia in una esposizione di scene, per lo più incentrate sulla natività, sempre però accumulate da una qualità ed una cura del dettaglio quasi maniacale. La nuova esposizione si sofferma in modo particolare sulla Natività, ambientata in scorci della Palestina di 2000 anni or sono e permeate di spettacolari contenuti storico-geografici alternata alla Natività collocata in ambienti a noi più vicini, vista ed interpretata dai diversi soci della sezione. Con l’ingresso di nuovi amici nella sezione, si sono potuti realizzare presepi di notevoli dimensioni da poter esporre in chiese, banche, gallerie, centri commerciali; e collaborare alla realizzazione di un presepio (ca. 50 mq) nella cripta della chiesa di Almenno S. Bartolomeo. Ogni anno inoltre la sezione ha cura di proporre nel periodo natalizio un’esposizione tematica di presepi: nel 2006 è stata esposta la cospicua collezione di presepi di carta mentre nel 2007 sono stati esposti i caratteristici presepi di Cracovia. Nel 2008 la sezione ha proposto una eccezionale mostra di presepi tirolesi. Nel 2009 l’esposizione di Ponte San Pietro è stata caratterizzata da due grandi presepi di cui uno caratterizzato da uno strabiliante effetto neve che ha richiamato migliaia di visitatori. Nel 2010 si sono potuti ammirare circa 40 presepi tutti realizzati dal grandissimo presepista catalano Joan Mestres Baixas. I suoi presepi rappresentano per molti presepisti un punto di riferimento, un traguardo a cui tutti sperano di arrivare. Nel 2013 è stata proposta la figura di un altro grandissimo presepista catalano: Jordi Pi I Vila; questo presepista è definito “l’impressionista del presepio” perché con un uso ardito della prospettiva e con una capacità di uso del colore unica, sapeva infondere alle sue opere un’atmosfera che solo i grandi artisti riescono a creare. Nel 2014 la sede di Ponte San Pietro ha proposto una bellissima ed importantissima collezione di presepi di carta, frutto di una attenta ed appassionata raccolta da tutto il mondo ad opera di un amico che spaziavano dal più antico settecentesco alle produzioni più recenti. Il 2015 è l’anno del presepi napoletani, emblema del presepismo italiano nel mondo con circa 40 opere realizzate dai migliori presepisti partenpoei e con una pregiata raccolta di Bambini Gesù antichi. Per il Natale 2017 sono stati esposti 35 presepi realizzati da alcuni tra i migliori presepisti della Germania inseriti in una spettacolare scenografia riproducente una tipica piazzetta tedesca.

Attività dell'Associazione

La Sede di Ponte San Pietro aderisce allo statuto della Associazione Italiana Amici del Presepio facendone propri gli scopi e le finalità. L'attività della Sezione consiste principalmente nella realizzazione di presepi e diorami costruiti singolarmente o in gruppo con lo scopo di appagare prima il personale amore per il Presepio e poi un continuo miglioramento delle tecniche costruttive e della qualità delle ambientazioni attraverso le quali raggiungere la capacità di provocare, in chi osserva la scena realizzata, un’immediata comunione con il mistero ed il messaggio che la scena stessa sottintende. E’ in questa finalità molto ambiziosa, che sta alla base di quella forte tensione interiore che caratterizza, in tutti i suoi aspetti, il lavoro della sezione. Da quanto sopra derivano presepi, diorami generalmente semplici seppur ricchi di particolari finemente curati non per uno sterile gusto per la miniatura e la precisione ma per riprodurre, il più fedelmente possibile, quell’ambiente che nella sua naturale realtà può essere stato testimone di quegli avvenimenti grandiosi. Nella quasi totalità dei casi i lavori realizzati sono richiesti, e quindi temporaneamente ceduti, a numerosi enti o sezioni che organizzano esposizioni di presepi. Ciò rappresenta, per la Sede un’ottima occasione per allacciare, con sempre più numerosi appassionati, rapporti di fraterna amicizia e fattiva collaborazione. Negli anni, sono state fatte mostre di rilevante importanza a Varsavia, Cracovia, Roma, Milano, Giffoni (SA), Vienna, Brindisi, Città di Castello (PG), Messina, Macerata, Bolzano, Innsbruck, Oberstadion , Vigevano e New York solo per citare le più importanti. Un’altra attività molto impegnativa, perchè svolta in un intervallo necessariamente limitato, è rappresentata dall’organizzazione annuale di un corso di tecnica presepistica in Ponte San Pietro e dalla collaborazione data per altri corsi organizzati da altre Sedi italiane e straniere. Con il corso promosso ormai da più di trent'anni in Ponte San Pietro la Sede propone ed illustra, alternativamente, il modo di realizzare un presepio (progettato e costruito completamente durante lo svolgimento delle lezioni). Non sono naturalmente tralasciate indicazioni sul come realizzare una sapiente vegetazione, sul come recuperare finimenti vari, sul come collocare le figure, come pure è dedicato ampio spazio alle considerazioni e riflessioni sul Presepio come fatto d’arte, tradizione, cultura e fede. L’attività della Sede di Ponte San Pietro continua con l’organizzazione di importanti mostre a tema che vengono allestite all’interno della Chiesa Vecchia di Ponte San Pietro. Si tratta di mostre spesso di carattere internazionale che richiedono uno sforzo organizzativo non indifferente ma che la sede, grazie ai suoi contatti ultradecennali con realtà estere similari e grazie al lavoro sei suoi soci riesce a realizzare. Nel corso degli anni sono state allestite mostre sui presepi tirolesi, presepi polacchi, presepi napoletani, presepi di carta, presepi tedeschi e due esposizioni di particolare rilevanza come quella dedicata a Joan Mestes e quella dedicata a Jordi Pi due tra i più importanti presepisti catalani.

Congressi presepistici organizzati

Nel settembre 1994 la Sezione ha organizzato il 25° Congresso Presepistico Nazionale ed ha visto confluire e riunirsi in Ponte San Pietro oltre 400 presepisti, provenienti dalla quasi totalità delle regioni italiane e perfino da diversi Paesi europei. Attenuato dalla fattiva collaborazione della Parrocchia e dall’oratorio, ha rappresentato per la Sezione uno sforzo notevole perchè, oltre all’inevitabile lavoro organizzativo, ha affrontato l’impegno di allestire, per i partecipanti, un’esposizione costituita da ben 42 tra presepi e diorami ed una ricca mostra fotografica. Ma uno degli impegni più grandi che ha visto i soci della sede di Ponte San Pietro in prima linea è stata l’organizzazione nel mese di ottobre del 2016 del XX° Congresso Presepistico Internazionale che ha visto confluire più di 1000 presepisti da tutto il mondo. Per una settimana queste persone hanno avuto modo di ammirare diverse esposizioni di presepi italiani, di partecipare ad interessanti relazioni, di assistere a due concerti e di condividere momenti di amicizia e di amore verso il presepio.

Contattaci

Via G. Donizettin° 109/111 Brembate Sopra (BG)

+39 035/33.30.35 Martedi e giovedi 20:30-24:00 Sabato 14:00-18:00

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Italiana Amici del Presepio

Associazione Italiana Amici del Presepio

Associazione

Forse non lo sai ma esiste una Associazione che riunisce gli appassionati al Presepio. E' Stata fondata a Roma nel 1953 e conta oggi alcune migliaia di iscritti: A.I.A.P. è l'acronimo dell'Associazione Italiana Amici del Presepio. Lo scopo della Associazione è di mantenere viva la tradizione del Presepio, diffonderla sempre più e studiarne ed evidenziarne tutti gli aspetti: religiosi, storici, folcloristici e tecnici.

Rivista "Il Presepio"

L'Associazione Italiana Amici del Presepio pubblica per i Soci una rivista: Il Presepio. Questa rivista è l'unica del genere in Italia e raccoglie dati di varia natura e notizie riguardanti il Presepio e le attività presepistiche di tutto il mondo. Ampio spazio è riservato alla bibliografia presepistica.

Attività

Attraverso alcune decine di Sedi dislocate in tutta Italia, l'Associazione organizza corsi di tecnica presepistica, mostre, concorsi e conferenze. Inoltre ogni anno si svolge, in una località sempre diversa, un congresso nazionale al quale partecipano soci provenienti da tutta Italia; ogni quattro anni invece gli appassionati di tutto il mondo si riuniscono in un congresso internazionale.

Museo Tipologico Internazionale del Presepio "Angelo Stefanucci"

Il Museo, fondato nel 1967, occupa circa trecento mq, suddivisi in tre navate, nei locali sottostanti la Chiesa dei Ss. Quirico e Giulitta, ai Fori Imperiali. A un livello ancora sottostante, è visibile, con accesso dal Museo stesso, la piccola absidiola affrescata della originaria Chiesa protocristiana (VI-VII sec) Raccoglie presepi, anche scenografici, e figure di notevole pregio storico e artistico: più di 3.000 pezzi provenienti da tutte le regioni italiane e da decine di nazioni, offrono una panoramica ampia ed esaustiva sulle varie interpretazioni ed ambientazioni della Natività, oltre ad una esemplificazione dei materiali che possono essere utilizzati. Sono esposti presepi in cartapesta leccese, terracotta siciliana, legno, ceramica, vetro, madreperla, pietra, carbone, panno, marzapane, uova, foglie di mais ecc., oltre ad alcune statue napoletane dei secoli XVIII e XIX. Tra i pezzi più antichi, un presepio costruito con piccole conchiglie (Sicilia – Sec. XVII) ed un S. Bambino in avorio (Sec. XVII). Annesse al Museo, consultabili a richiesta, una ampia biblioteca a tema presepistico e una raccolta di videocassette e DVD su mostre, corsi di tecnica, storia del presepio.Nei locali del Museo vengono organizzate conferenze sul presepio e, ogni anno nel mese di ottobre, Corsi di Tecnica Presepistica, tenuti da qualificati maestri. Il museo è aperto tutto l'anno escluso ad agosto il lunedì e il mercoledì 17:00/20:00. Dal 25 Dicembre al 6 Gennaio: feriali 17:00/20:00, festivi 10:00/12:30 - 17:00/20:00. Su appuntamento, visite guidate e in altri giorni e orari. Ingresso gratuito.

Indirizzo e contatti

Associazione Italiana Amici del Presepio Via Tor de' Conti, 31/A 00184 ROMA Telefono: 06/679.61.46 Website: www.presepio.it Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come costruire un presepio DVD

Dvd Facciamo insieme il presepio

Dvd Facciamo insieme il presepio: Disponibile

L'Associazione Italiana Amici del Presepio è lieta di presentarvi il DVD: 'Facciamo insieme il Presepio'. Il DVD spiega in modo semplice e chiaro come realizzare un diorama: dall'ideazione e progettazione passando per la prospettiva e le proporzioni. Si illustra poi la tecnica del gesso mostrando come realizzare muri e rocce. Ampio spazio è riservato alla colorazione e alla vegetazione. Si parla poi dell'illuminazione e di come collocare al meglio le statue.
Realizzato in modo professionale, questo DVD rappresenta un ottimo sussidio sia per chi vuole iniziare a costruire un proprio presepio, sia per chi, già esperto, vuole raffinare la sua tecnica. Il DVD è composto da un cofanetto contenente 2 dischi.