Congresso internazionale presepi Bergamo 2016

XX Congresso UN.FOE.PRAE. - Venite Adoremus
L’UNIVERSALIS FEDERATIO PRESEPISTICA (UN.FOE.PRAE.) è una federazione che riunisce tutte le Associazioni nazionali degli Amici del presepio. Tra le sue iniziative la più importante è l’organizzazione ogni 4 anni di un congresso aperto a tutti i presepisti del mondo. Questo congresso ha luogo ogni volta in un luogo diverso valutando le varie candidature proposte.

Bergamo sede del XX Congresso Internazionale dei presepi

Dovendo decidere la sede del XX° congresso all’unanimità la scelta cadde su Bergamo. Molti si chiedevano il perché di questa scelta; In Italia ci sono città che vantano una tradizione plurisecolare in ambito presepistico, perché dunque Bergamo? La risposta è che negli ultimi decenni nel bergamasco sono sorti e sono particolarmente attivi gruppi di presepisti che con impegno e tenacia hanno fatto propri gli scopi della Associazione Italiana Amici del Presepio. Non a caso Bergamo è una delle province italiane che vanta il maggior numero di Sedi associative.
Di particolare rilievo poi la presenza di ben 2 musei dedicati al presepio e di alcune esposizioni permanenti. Tra questi gruppi un posto di rilievo è riservato alla sede di Ponte San Pietro. Unitamente alle sedi di Brembo di Dalmine e di Cividino i presepisti di Ponte San Pietro hanno collaborato per alcuni anni programmando e pianificando fin nei minimi dettagli il programma del Congresso.
Dal 19 al 26 ottobre 2016 più di 1000 persone provenienti oltre che da tutta Europa anche da oltreoceano, si sono incontrati nelle belle e spaziose sale del Centro Congressi di Bergamo per scoprire la realtà presepistica italiana e bergamasca in particolare, per ammirare centinaia di presepi, per partecipare a concerti musicali e soprattutto per ascoltare importanti relatori che con competenza hanno tracciato vari argomenti di interesse presepistico.
L’impegno non è stato poco ma la fattiva collaborazione di ogni sede unitamente ad una buona dose di ottimismo e intraprendenza, ha permesso un piacevole e ottimale svolgimento del programma. Far convivere un numero così alto di persone che parlano lingue diverse e di culture diverse comporta qualche problema ma la perfetta organizzazione, unitamente alla buona volontà dei partecipanti, ha creato un clima di serena convivialità ed amicizia.
A Bergamo erano state allestite 4 grandi esposizioni di presepi italiani che unitamente a quelle previste nelle varie escursioni in programma portavano a 13 le mostre proposte, senza considerare che in ogni angolo dei luoghi del congresso era facile incontrare altri presepi. La sede di Ponte San Pietro aveva accolto i presepisti con una grande esposizione delle loro migliori opere. Tutti i presepisti pontesanpietrini erano presenti con almeno una loro opera. Inoltre nella cripta della chiesa erano visibili un’altra serie di diorami divenuti dei classici ed irrinunciabili. Per rendere l’atmosfera più magica un gruppo di zampognari suonava le dolci melodie tanto care a noi presepisti.
Era presente in mostra anche un gruppo di madonnari che con grande capacità artistica realizzavano davanti ai visitatori alcune opere a tema natalizio. Dopo giornate così piene ed intense una scintillante ed elegante cena di gala accoglie i presepisti in un clima festoso e gioioso occasione unica ed irrinunciabile per saldare vecchie amicizie e fondarne di nuove. L’indomani ci ha visti tutti in duomo a Bergamo per la messa pontificale presieduta dal Vescovo che ha concluso il congresso.